Sicurezza targata UE

Da maggio 2022 tutti i nuovi veicoli immessi sul mercato Ue dovranno esse dotati di ADAS (Advance Driver Assistance System), sistemi di sicurezza avanzati. Lo prevede un Regolamento approvato in via definitiva in Europa pochi mesi fa, in linea con l'obiettivo della Commissione di dimezzare il numero di morti e feriti gravi per incidente stradale tra il 2020 e il 2030.  Alcuni di questi sistemi sono attualmente già montati su vetture di alta gamma, ma entro il termine di legge le case automobilistiche saranno tenute ad installarli su tutti i nuovi veicoli. Tra le dotazioni previste per tutti i veicoli a motore: adattamento intelligente della velocità, blocco dell'accensione con rilevatore alcolock, rilevatore di disattenzione e stanchezza del conducente, segnalazioni di arresto di emergenza, sistema di monitaraggio della pressione pneumatici, "scatola nera" per la registrazione dei dati. Sono richieste misure di sicurezza ulteriori per autovetture, camion e autobus  Questi ultimi, ad esempio, dovrannno essere dotati di sistemi in grado di rilevare la presenza di pedoni e ciclisti nelle immediate vicinanze del veicolo.