Allergie, rischi in auto

Guidare con gli occhi che lacrimano o magari in preda a una crisi di starnuti? Non è solo fastidioso, può essere davvero pericoloso. Uno starnuto ci costringe a chiudere gli occhi per qualche istante: se siamo impegnati in un sorpasso delicato o una manovra difficile, possiamo rischiare l’incidente.

Soprattutto in primavera, l’aria si riempie di pollini e altri allergeni che provocano fastidi anche gravi a chi soffre di allergie. In auto, la concentrazione è molto superiore rispetto a quanto accade all’aria aperta. Come evitare che diventi una trappola? Ecco alcuni consigli.

Il primo, molto semplice: mantenere pulito l’abitacolo. Meglio viaggiare con i finestrini chiusi ed effettuare pulizie frequenti con panni monouso o aspiratore, senza trascurare il tessuto dei sedili (soprattutto se trasportiamo in auto il nostro amico a quattro zampe). Bene anche procedere periodicamente a una sanificazione con spray specifici, che in pochi minuti saturano l’abitacolo e abbattono la carica batterica.  

Attenzione all’impianto di ventilazione! Fondamentale sostituire il filtro aria/antipolline ogni 10mila chilometri circa o comunque una volta all’anno. Importante anche tenere sempre puliti i condotti di aerazione, che possono nascondere muffe e polveri. Puliteli regolarmente con una spazzola morbida e spray sanificante; per una pulizia più profonda rivolgetevi a un professionista.

La concentrazione di pollini nell’aria è maggiore nelle ore centrali della giornata. Quindi, se possibile, meglio spostarsi in auto di prima mattina o in tarda serata.

In ultimo, attenzione ai farmaci. Gli antistaminici utilizzati per combattere le allergie possono avere effetti collaterali come sonnolenza, rallentamento nei movimenti, riduzione dell’attenzione. Meglio non mettersi al volante!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *