Corsia di emergenza

La tentazione di utilizzare quella corsia libera di fianco alla carreggiata è forte, ma no. La corsia di emergenza non serve per scalare un po’ di posizioni in caso di code o ingorghi. O per correre un po’, se il traffico è lento.  Su quelle corsie «è vietato circolare se non per arrestarsi o riprendere la marcia» prescrive il  Codice della Strada, perché  – art 3 – sono «destinate alle soste di emergenza, al transito dei veicoli di soccorso ed, eccezionalmente, al movimento dei pedoni, nei casi in cui sia ammessa la circolazione degli stessi». Quindi se l’auto è in avaria, per un malessere del conducente o di un passeggero, per il passaggio di ambulanze o delle forze dell’ordine, con la sirena in funzione.  Unica eccezione ammessa: per raggiungere la più vicina uscita autostradale in caso di ingorgo, ma solo se dista meno di 500 metri.

Vediamo alcuni dei comportamenti consentiti e vietati dal Codice della Strada. In corsia di emergenza:

La sosta deve limitarsi al tempo strettamente necessario per superare l’emergenza stessa e non deve, comunque, superare le tre ore. Decorso tale termine, il veicolo può essere rimosso coattivamente.

Durante la sosta e la fermata di notte o in caso di visibilità limitata, devono sempre essere tenute accese le luci di posizione. Se risultano inefficienti si deve ricorrere al triangolo, collocato almeno 100 metri prima del veicolo. E il triangolo è obbligatorio, sempre a 100 metri, anche se il guasto rende impossibile spostare il veicolo sulla corsia di emergenza o sulla piazzola di sosta o se queste mancano. Il Codice non lo dice, ma meglio usare anche le quattro frecce.

È consentito il transito dei pedoni solo per raggiungere i punti per le richieste di soccorso. Prima di scendere dal veicolo, è obbligatorio indossare i giubbini catarinfrangenti omologati con marchio CE (che è obbligatorio avere a bordo!).

È vietato effettuare la retromarcia, anche sulle corsie per la sosta di emergenza, fatta eccezione per le manovre necessarie nelle aree di servizio o di parcheggio

Tutte le regole che riguardano la circolazione su autostrade e strade extraurbane si trovano elencate negli artt. 175 e 176, insieme alle sanzioni relative: multe e perdita dei punti patente. “Furbetti della corsia di emergenza”, date un’occhiata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.