Angolo cieco, un rischio per la sicurezza

Parola d’ordine: attenzione! L’angolo cieco (blind spot, in inglese) è una vera e propria minaccia per la sicurezza stradale: è la porzione di strada che non viene riflessa dagli specchietti retrovisori e quindi non è visibile al conducente. L’angolo cieco varia in funzione della sagoma e delle dimensioni del veicolo, o del tipo di specchietti usati; in generale, a veicoli più grandi corrispondono generalmente angoli ciechi maggiori. Le fasi a rischio? Parcheggio e sorpasso.

I sensori di parcheggio – sul paraurti posteriore o anche sull’anteriore – rendono oggi la manovra molto più agevole. Funzionano secondo il principio del radar: il sensore lancia onde sonore a ultrasuoni e le riceve riflesse dagli ostacoli vicini. Misurando il tempo tra “andata e ritorno” riesce a calcolare con precisione la distanza dell’ostacolo. L’evoluzione è continua: dall’infografica su schermo touch ai sistemi automatici di parcheggio, l’impegno a migliorare la sicurezza è costante. Ma l’attenzione di chi guida è sempre indispensabile! 

Altra manovra (molto) a rischio, il sorpasso. Un auto ci sta superando: per qualche attimo, sparisce dallo specchietto retrovisore interno e resta invisibile – nell’angolo cieco, appunto – fino a quando non compare nello specchietto esterno. Se proprio in quel momento decidiamo di spostarci a sinistra, il rischio di collisione è elevatissimo.

Come ridurre al minimo in pericolo? Anche qui la tecnologia ci viene in soccorso. Il BLIS (Blind Spot Information System) è il sistema che, utilizzando due telecamere integrate negli specchietti laterali, rileva i veicoli in avvicinamento. Ma – non ci stanchiamo di ripeterlo – i sistemi elettronici sono un ausilio, non sostituiscono il guidatore!

Alcune regola indispensabili, da non trascurare mai. Posizionare correttamente sedile e specchietti, orientando quelli laterali più verso l’esterno, per garantirsi la massima visibilità. Attenzione a tutte le manovre, da effettuare solo dopo aver controllato la situazione a “largo raggio”. Segnalare tempestivamente ogni manovra: le frecce vanno usate sempre, anche quando si ha l’impressione che non ci sia nessuno.